via San Lorenzo da Brindisi, 14
00154 Roma
Tel. 06.51600539   Fax 06.51882122


Benvenuti nel sito della rete Iter
Iter è un'associazione di enti locali e associazioni non profit (delegati dagli enti locali a rappresentare la partnership) che rappresentano politiche pubbliche finalizzate allo sviluppo quantitativo e qualitativo del Welfare, alla riqualificazione della spesa pubblica, all'allargamento della partecipazione e alla promozione dei diritti dei cittadini giovani, condotte in partnership effettive, e rappresentative di portatori di interesse e destinatari.
In primo piano

Roma, 16 dicembre 2014
Rete Iter esprime apprezzamento per la nomina di Francesca Danese ad assessore alle politiche sociali di Roma Capitale. Abbiamo apprezzato l'impegno e la trasparenza di Francesca Danese nella collaborazione tra Rete Iter e CSV-net per la costruzione di un network nazionale per le politiche giovanili. In un momento particolarmente delicato per Roma e per l'Italia, auguriamo a Francesca di portare in questo nuovo ruolo la passione che sempre la contraddistingue nel suo impegno volontario e professionale. Auspichiamo che la questione dei giovani sia parte attiva del rinnovato impegno delle politiche della Capitale, nella direzione di un impegno di inclusione sociale, di partecipazione, di integrazione.
Paolo Paroni, Presidente Rete Iter

Rigenerare la partecipazione - Un cambio di passo alle politiche per la Gioventù

Roma 25 settembre 2014 - Si è tenuto lo scorso 24 settembre l’incontro fra i rappresentanti delle reti nazionali - Rete Iter, CNCA, CGM Gruppo cooperativo, CSVnet, Federazione CEMEA, Politichegiovanili.it e GAI - e il Sottosegretario On. Luigi Bobba per definire un piano di lavoro comune sulle politiche giovanili.

foto on. Bobba
cliccare sull’immagine per ingrandirla

Il Sottosegretario, accompagnato dal Capo Dipartimento Gioventù e Servizio Civile, Cons. Calogero Mauceri e dal Direttore dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, Giacomo D’Arrigo, ha condiviso l’impostazione del documento presentato dalle reti indicando come prossimi passi:

· l’apertura di Tavolo di lavoro con le reti nazionali attive nel campo della gioventù per la definizione di un percorso condiviso e comune anche in vista della stesura e del lancio di un Piano Nazionale Giovani;
· l’organizzazione della prima Conferenza Nazionale per i Giovani e lo sviluppo del Paese.

L’On. Bobba ha fissato un prossimo incontro con le reti per vagliare misure specifiche rivolte ai giovani all’interno della programmazione dei fondi strutturali europei 2014 – 2020 e si è reso disponibile ad approfondire proposte operative sui Piani Locali per il Lavoro dei Giovani, che grazie a percorsi di mediazione sociale condivisa aumentino l’accesso di giovani, aziende e altri potenziali datori di lavoro al Programma Garanzia Giovani.
Il Sottosegretario ha infine ricordato che, nell’ambito delle deleghe a lui attribuite e con specifico riferimento alla formazione, ha già avviato presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, un “importante progetto per la certificazione delle competenze dei volontari in servizio civile che consentirà, fra l’altro, la valorizzazione delle buone prassi realizzate dalle reti sui diversi territori”.

Breve presentazione delle reti che hanno partecipato all’incontro

Visualizza il documento presentato dalle reti nell’incontro con il Sottosegretario Bobba.

Leggi anche su: clicca qui.

Incontro tra le Reti nazionali e la Ministra Kyenge sulle politiche giovanili - Roma, 23 gennaio 2014

Si è svolto lo scorso 23 gennaio il primo incontro tra i rappresentanti di Rete Iter, CNCA, CGM Gruppo cooperativo e Consorzio Mestieri, CSV-net, CEMEA, Politichegiovanile.it e la ministra Cècile Kyenge per confrontarsi sull’elaborazione di un Piano d’azione sulle politiche giovanili.

foto Ministro Kyenge
cliccare sull’immagine per ingrandirla


Le Reti presenti affermano che i giovani sono la “garanzia” per il futuro del nostro Paese se

- il programma “Garanzia Giovani” connetterà lavoro, educazione, cittadinanza, a partire dalla certificazione delle competenze dei giovani impegnati nel Servizio Civile;
- gli interventi valorizzeranno le reti territoriali, portatrici di conoscenze e proposte;
- le azioni locali saranno integrate e trasversali, sull’esempio del Piano Locale Giovani;
- i finanziamenti, come indica la Corte dei Conti, saranno strutturati in azioni di sistema.

Per questo è importante attivare una campagna di ascolto dei giovani che possa costituire la base per un futuro “Piano nazionale di azione”, accompagnato dalla costituzione di un osservatorio nazionale sui giovani e sulle politiche giovanili. In questa direzione va il rilancio del marchio IARD da parte di Rete Iter e alcune università italiane.

La Ministra ha espresso sintonia tra le proposte delle Reti e il programma di lavoro da lei impostato e i contenuti del confronto in atto con i Ministeri del Lavoro, della Coesione Territoriale e dell’Istruzione. Ha dichiarato interesse a continuare l’interlocuzione avviata, anche in appuntamenti pubblici, riconoscendo alle Reti presenti la loro competenza e capacità di attivazione dei territori.

Per scaricare l’appello, clicca qui.

Progetto Piccoli Comuni


Ultime segnalazioni
Eventi   (vedi tutti)